Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

AZIONE LEGALE CONTRO BNP PARIBAS, PRINCIPALE FINANZIATORE DELL’INDUSTRIA DEI COMBUSTIBILI FOSSILI IN EUROPA

AZIONE LEGALE CONTRO BNP PARIBAS, PRINCIPALE FINANZIATORE DELL’INDUSTRIA DEI COMBUSTIBILI FOSSILI IN EUROPA

Alla vigilia della Giornata della Finanza climatica, un evento finanziario internazionale che si tiene ogni anno a Parigi, BNP Paribas – il principale finanziatore dell’industria dei combustibili fossili in Europa e quinto nel mondo – ha ricevuto tre mesi di tempo per adeguarsi alla legge francese sull’obbligo di vigilanza

L’azione legale è stata intrapresa da Oxfam France, Friends of the Earth France e Notre Affaire à Tours. Si tratta di un primo passo verso un caso di contenzioso sul clima senza precedenti, il primo al mondo a colpire una banca commerciale per le sue attività ad alto rischio nel settore del petrolio e del gas

Roma, 26 ottobre 2022 – Da oltre 10 anni, Oxfam France, Friends of the Earth France e Notre Affaire à Tous denunciano le pesanti responsabilità della finanza nella crisi climatica. Dopo aver a lungo dialogato con le banche francesi e aver chiesto, senza successo, al governo di svolgere il suo ruolo di regolatore del settore finanziario, le tre organizzazioni compiono oggi un nuovo passo, intimando a PNB Paribas di interrompere immediatamente il sostegno a nuovi progetti sui combustibili fossili – sia direttamente che indirettamente – e di rispettare l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C.

L’impatto che il settore finanziario può avere sul clima è ben chiaro alle banche che finanziano e investono in società che utilizzano combustibili fossili, ma BNP Paribas si distingue tra tutti. Nonostante i ripetuti inviti della comunità scientifica, di Nazioni Unite e Agenzia Internazionale dell’Energia a desistere da nuovi investimenti in combustibili fossili, la banca francese ha continuato a foraggiare le aziende più aggressive, responsabili dello sviluppo di nuovi giacimenti e infrastrutture di petrolio e gas.

Tutto ciò ha costi elevatissimi e nel 2020 BNP Paribas ha registrato un’impronta climatica più grande di quella dell’intero territorio francese.

Conosciamo i nomi delle grandi multinazionali del gas e del petrolio, tra cui Total, che continuano a chiudere un occhio sulle tragedie causate dalla crisi climatica, pianificando decine di nuovi progetti che sfruttano i combustibili fossili in tutto il mondo. – ha detto Lorette Philippot, attivista di Friends of the Earth France  Ora vogliamo però chiedere a BNP Paribas, il finanziatore numero uno delle otto major europee e nordamericane del petrolio e del gas, di disinnescare queste bombe climatiche”.

La dipendenza dai combustibili fossili ha lasciato i cittadini inermi di fronte all’impennata dei prezzi dell’energia che colpiscono particolarmente le famiglie più povere. Dobbiamo fermare con urgenza i responsabili ed evitare le conseguenze di questa ennesima, grave crisi. È per questo che Oxfam France, Friends of the Earth France e Notre Affaire à Tous hanno deciso di andare alla radice del problema, chiamando in causa il settore finanziario.

“Ogni nuovo progetto nel settore dei combustibili fossili finanziato da BNP Paribas significa più siccità, più inondazioni, incendi boschivi e anche prezzi dell’energia più alti per i consumatori. – aggiunge Alexandre Poidatz, advocacy officer di Oxfam Francia – Dobbiamo assicurarci che gli investimenti di oggi servano a costruire un mondo migliore domani”.

Si tratta di un’azione legale senza precedenti, con cui si chiede a BNP Paribas di adeguarsi alla legge francese del 2017 sull’obbligo di vigilanza entro 3 mesi. Ad oggi la banca non ha reso noto un piano solido per identificare, mitigare e prevenire i rischi ambientali e rispettare i diritti umani derivanti dalle sue attività.

 “La legge sull’obbligo di vigilanza ha esplicitamente sancito nel diritto francese la responsabilità legale delle multinazionali, comprese le istituzioni finanziarie, di proteggere l’ambiente e rispettare i diritti umani. – conclude Justine Ripoll, responsabile delle campagne di Notre Affaire à Tous – Nonostante le numerose campagne di greenwashing, le misure adottate da BNP Paribas- il primo finanziatore europeo sui combustibili fossili – non sono né sufficienti né adeguate.”

BNP Paribas ha quindi tre mesi di tempo per adeguarsi alla legge in vigore in Francia, in caso contrario il caso finirà in tribunale. Sarebbe il primo contenzioso legale al mondo che chiede conto ad una banca commerciale di rispettare gli obblighi per la tutela di clima e ambiente, assieme alla cessazione immediata del suo sostegno finanziario a nuovi progetti su petrolio e gas.